Archivo | EDISU RSS feed for this section

PRINCIPALES MODIFICACIONES PARA EL BANDO DEL EDISU 2011/2012

3 Jun
PRINCIPALES MODIFICACIONES PARA EL BANDO DEL EDISU 2011/2012 PARA BECA Y SERVICIO HABITATIVO. Probablemente el bando se publique el 15 de junio 2011.
1) [ATTENZIONE] per gli iscritti al PRIMO anno di LAUREA SPECIALISTICA (MAGISTRALE): per poter fare richiesta di borsa e/o posto letto per il secondo anno, sono necessari 30 CREDITI e, non 25 come gli anni precedenti. Quindi chi ritiene di essere indietro e si cullava dei 25, o magari 20 più bonus, si dia da fare a raggiungere i 30 crediti entro il 10 di agosto..
Ho fatto richiesta affinchè tutti gli studenti interessati, quindi gli attuali vincitori di borsa al primo anno di laurea specialistica fossero avvisati immediatamente attraverso ogni canale possibile, , PER FAVORE diffondere la notizia a tutti é molto importante.
2) Cambiano anche i requisiti per la riconferma, e questo per tutti gli anni, chiamata super-merito, che vede aumentare la media degli esami per poter avere la riconferma dei benefici da 24 a 25.
Ovviamente, come detto al punto 1, per il primo anno di laurea specialistica ovvero magistrale il numero di crediti necessari per la riconferma aumentano di 5 e quindi si va da 35 a 40. Per tutti gli altri anni nulla cambia sotto il profilo dei crediti.
3) Non si potrà più richiedere la borsa di studio completa, quindi 4.777,00 euro per i FUORISEDE, senza aver fatto richiesta di POSTO LETTO (si ritorna al passato). Nel caso in cui non ci fossero posti sufficienti per coprire tutti gli idonei (molto probabile visto che i posti messi a concorso saranno 1772 su Torino e Grugliasco, circa un centinaio in meno rispetto lo scorso anno che vedeva già moltissimi idonei), verrà erogata l’intera borsa di studio su presentazione della certificazione di domicilio oneroso (contratto regolare d’affitto). Per coloro che invece vinceranno il posto letto la cifra che verrà trattenuta sale da 1.600 euro a 1.700, e quindi percepiranno una borsa di 3.077euro, così come coloro che non presenteranno richiesta di posto letto ma sono comunque fuori sede con certificazione di domicilio oneroso. Queste cifre sono riferite a coloro che hanno un ISEE inferiore a 13.064 euro. Per coloro che sono invece fra i 19.596 euro (LIMITE MASSIMO per accedere ai benefici) e i 13.064,  la cifra della borsa, come sempre,  equivale a 2/3 del totale.
Per quanto riguarda i borsisti IN SEDE e PENDOLARI le cifre della borsa di studio cambiano di poche unità di euro. Per ISEE/ISEEU inferiore a 13.063 euro sarà di 2.100 per i primi e 2.636 per i secondi.
4) Non saranno più detratti contributi per i RISTORANTI UNIVERSITARI (notizia buona), come successo quest’anno con i 250 euro. Purtroppo l’infelice esperimento, come si poteva immaginare, è stato troppo oneroso per l’ente e poco “libero” per gli studenti. Gli unici che non si son potuti lamentare sono i gestori delle mense che hanno visto crescere di gran lunga il numero degli utenti. C’è da dire che bisognerà trovare comunque un modo per far partecipare più studenti nelle mense visto che per essere sostenibili e poter continuare ad esistere, sia per i borsisti che per tutti gli altri, servono grossi numeri. É bisognerà trovare il modo per tutelarlo..
5) Si voleva intervenire sul premio di laurea, diminuendolo (alla faccia del merito), ma la regione ha respinto la proposta perchè si andava contro la legislazione nazionale (una cosa buona). Così come è stata una proposta della regione quella di aumentare da 25 a 30 i crediti necessari per fare domanda. C’è da dire che questo prevede il DPCM del 2001 e quindi da dieci anni circa, il nostro ente si era adeguato con generosità su quel criterio specifico.
Ho VOTATO CONTRO questa modifica soprattutto per i tempi con la quale è stata presa (troppo tardi) e le modalità. Cioè la regione ha scavalcato le prerogative dell’Ente. Nessuno di tutti noi consiglieri era a conoscenza della modifica. Avrei anche potuto accettare di adeguarci alla normativa nazionale ma in tempi diversi, per esempio entro la fine del 2010, per poter comunicare a tutti gli interessati che per il bando successivo l’asticella dei crediti sarebbe stata alzata. Non so quanti siano i borsisti interessati dalla modifica, ma anche se fosse UNO solo (e non credo) avrei trovato corretto dare un preavviso maggiore.
6) Non esisterà più il bando BORSA PLUS (alla faccia del merito e della fascia grigia non povera ma neanche tanto ricca e soprattutto molto brava che non avrà più alcun sostegno). Ricordo che negli anni precedenti i fondi per finanziare la BORSA PLUS erano stati prelevati dal fondo di recupero crediti da parte di coloro che dichiaravano il falso, quindi non si utilizzavano le normali risorse che servono per le borse standard. Ora invece i crediti recuperati serviranno per il funzionamento ordinario dell’Ente, quindi se un giorno non ci fossero più “FURBETTI” (speriamo il prima possibile), l’Ente dovrà trovare altri modi per racimolare circa 1 milione di euro.
7) Non ci saranno più i contributi aggiuntivi per chi raggiunge livelli di merito maggiori, come proposto quest’anno e presente sul bando passato, e per carenza di fondi non attuato.
8) I posti letto in meno sono dovuti alla chiusura del Miramonti e del Camplus Lingotto. Però si è in qualche modo recuperato qualcosa dalla minore richiesta di ospitalità da parte dell’università al lungodora e dalla minore attribuzione di posti letto a pagamento (circa la metà rispetto ai 150 prenotati l’anno scorso, ma non del tutto utilizzati). A breve riaprirà il COLLEGIO CAVOUR ma contemporaneamente chiuderà la residenza Verdi 15 per lavori di ristrutturazione.
9) La Regione Piemonte farà entro metà giugno l’assestamento di bilancio e vedremo se confermerà la cifra promessa, ossia 20 milioni di euro. Successivamente gli uffici dell’Ente potranno verificare se ci sarà la possibilità economica per l’a.a. 2011-2012 di pagare la totalità delle borse di studio (100% degli aventi diritto). L’esigenza di tagliare è sempre presente, e se fosse una semplice razionalizzazione della spesa sarebbe più che comprensibile, gli sprechi vanno sempre combattutti, ma se diventa la regola per poter diminuire il livello di servizio spero che trovino forte opposizione da parte di tutti noi o di chi ci sarà nei prossimi anni (mi rivolgo soprattutto alle matricole). Se non gli stiamo col fiato sul collo rischiamo di scomparire.

Per informazioni ulteriori contattatemi pure via cell allo 3803111756.
SIMONE BAGLIVO – Rappresentanti Studenti Politecnico – C.d.A. Edisu
Anuncios